In quest’ultima settimana, come per magia, il mio telefono è diventato il protagonista assoluto sconvolgendo il mio tedioso tempo. Un no-stop di chiamate ha caratterizzato questi giorni, tutte (tranne una) provenienti da uno stesso prefisso, il +44, che dopo una piccola ricerca ho scoperto essere dell’UK.

Dovrei esserne contento, e in effetti lo sono, vuol dire che il mio CV desta interesse, vuol dire che ho qualche possibilità per il mio futuro.

Non sono contento invece dell’andamento di questi colloqui.

In pratica oggi se non ti avvicini ad un livello di Inglese mother tongue sei tagliato fuori!

Io purtroppo nella mia carriera scolastica ho sempre studiato il francese, e posso dirvi che lo conosco davvero bene. L’inglese invece l’ho studiato da solo e potete immaginare il mio livello. Non è che non lo sappia, ho fatto anche per lavoro dei corsi tecnici all’estero in inglese, il fatto è che ho bisogno di immedesimarmi nella lingua, non parlare altro che quella per almeno una settimana, ed oggettivamente qui non ne ho la possibilità. L’ideale sarebbe migliorarlo in UK, lavorando, direttamente sul campo, ma mi  sa che ciò sarà impossibile, del resto un tipo oggi mi ha mandato una bella mail con su scritto (in inglese): “…è stato un piacere sentirti, chiamaci quando il tuo inglese sarà fluente…”.

Sono un pò sconfortato, un pò tanto veramente.

Viste queste difficoltà da oggi concentrerò le mie ricerche sui paesi francofoni, anche se le opportunità non sono le stesse.

Intanto oggi ho pure dovuto subire una piccola operazione, piccola ma dolorosa, molto dolorosa, e fastidiosa nel suo decorso. Niente di che, non allarmatevi, dopo due ore ero già a casa a incassare i NOT inglesi, come se non mi bastasse il dolore della zona suturata a buttarmi giù.

 

 

 

Annunci