E’ un periodo musicale.

Ecco un  altro pass per una nuova magica serata, una serata da emozioni forti, una di quelle sere che ti rimangono dentro, per sempre.

Si tratta pur sempre di una scommessa.

Riuscirò, riusciremo ad andare? Dove saremo il prossimo giugno? Troveremo il tempo o avremo la possibilità di trovarci lì quella sera?

Non lo so.  Si vedrà. Il concerto dei Cure da questo punto di vista mi ha insegnato tanto.

Che poi era una promessa fatta tanto tempo fa.  E’ un bel regalo che mi auguro si riesca a scartare, insieme.

In realtà io avevo già dato, vi ricordate? Ve ne parlai qualche tempo fa qui.

Ma questi non sono certo  sacrifici, sarà un piacere esserci nuovamente. Sarà una gioia cantare a squarciagola, lodare la magia del silenzio e agitare le mani mentre Dave e Martin ti fanno notare che le stelle brillano alte nel cielo e nel frattempo ti rassicurano, ti dicono che tutto andrà bene. Ne ho bisogno.

Sarei stato molto più contento di riviverlo altrove in realtà, ma alla fine ho dovuto soccombere alla dura legge di Ticketone. L’ultima volta proprio a Roma ebbi brutte esperienze organizzative, questa volta cercherò di essere più previdente.

Non resta che attendere quindi, magari in silenzio. Intanto ho ben altre risposte da cercare e ben altri progetti da realizzare, molto più importanti.

 

E ti ringrazio per avermi portato qui,

per avermi mostrato la mia casa,

per aver cantato queste lacrime.

Finalmente ho scoperto che la mia casa è qui”

                          Home – Depeche Mode

 

dm-ph

Annunci