Avevo un collega, quasi un fratello, conosciuto da tutti per  la sua gran fortuna e per la sua arte del risparmio, tanto che negli ultimi anni lo chiamavamo, ma in realtà si era proclamato lui stesso per primo, il Re di New York, in omaggio ad una scena del film Senti Chi Parla dove il protagonista va fiero di riuscire a vivere di stenti ed espedienti senza dover spendere un soldo. Potrei stare ore a scrivere delle sue gesta, come quando si iscrisse in un sito per avere la possibilità di partecipare all’estrazione di un paio di biglietti per un incontro del sei nazioni di rugby (in quel periodo aveva la fissa per questo sport) e invece vinse quelli per il SuperBowl. Oppure quella volta che durante l’intervallo di una partita di NBA tra i Millwaukee Bucks ed i Dallas Maverick, nonostante si trovasse (ci trovassimo) in un settore tra i più lontani dal campo, riuscì a prendere ben due, e dico DUE,  magliettine lanciate ai tifosi da un cannone posto a metà campo. Vi lascio poi solo immaginare la quantità di soldi trovati a terra e i risparmi portati a termine nelle maniere più assurde e anche divertenti, così come è ormai leggenda la sua mail alla Mondadori al fine di ottenere uno sconto extra (ne inviò una simile anche alla Settimana Enigmistica) per i suoi acquisti on-line.

Eppure ci sono delle volte in cui la sfiga decide di prendere di mira questi personaggi, per un giorno soltanto ma in maniera epocale.

E’ l’ultimo giorno a Millwaukee per entrambi. Abbiamo l’aereo per Roma nel primo pomeriggio in partenza da Chicago ma noi ci diamo appuntamento la mattina presto per fare una capatina in un enorme centro commerciale che c’è per strada. All’orario stabilito non si fa vivo, è scontato, è un ritardatario cronico. Entro nella sua stanza e non solo mi accorgo che non è pronto, deve ancora fare le valigie! E non sarà facile visto che ha tutto sparso per la stanza, comprese diverse paia di mutande sopra la tv!

La vicenda si svolge più o meno così.

Arriviamo in aeroporto in forte ritardo per via della sua indecisione nello scegliere il locale dove pranzare al centro commerciale (alla fine non abbiamo neanche mangiato), al volo riconsegniamo la macchina a noleggio e ci dirigiamo di gran corsa al check-in. Inizio io. Una volta finito mi faccio da parte per fargli posto.

Lui sfoggia la sua classica tenuta da partenze ovvero indossa più vestiti e giubbotti uno sopra l’altro stile omino Michelin nonostante la giornata afosa per raggirare le limitazioni del peso dei bagagli,  e porta con sé tre valigie e una miriade di sacchetti di plastica colmi delle cose più disparate.

-Biglietto prego

-Si un attimo

Comincia a ravanarsi dentro le tasche finché lo esce (il biglietto ovviamente, maliziosi). L’addetta lo controlla e poi con una faccia incredula dice:

-Ma questo è un biglietto dell’anno scorso!

Lui non fa una grinza,  sorride, come se fosse normale o fosse stato uno scherzo (in realtà so benissimo che non lo è), ricomincia a ravanarsi e dall’altra tasca, con aria soddisfatta, esce un nuovo biglietto.

L’addetta lo controlla. Passano pochi secondi,  la vedo strabuzzare gli occhi, ricontrollare più attentamente e poi esclamare:

-Ma questo biglietto è per il volo di domani!

E’ in quel momento che vedo nel  volto di Aldo un’espressione di stupore misto a imbarazzo che non gli ho mai visto e mai rivedrò. Lo prende, lo controlla….cazzo!! L’agenzia gli ha sbagliato la data del ritorno e lui non se n’è neanche accorto!

PANICO!

Arrabbiato chiede se è possibile rimediare o acquistare un nuovo biglietto, ma questo costa diverse centinaia di dollari e gli fanno anche un bel po’ di ostruzionismo. A quel punto si rassegna. Comincia a riflettere su come avrebbe passato l’intera giornata lì da solo, se fosse stato meglio rimanere in aeroporto o affittare una macchina e girare Chicago, mi chiede con quel suo faccione triste di avvisare la sua ragazza e raccontargli l’accaduto una volta in Italia.

Mi saluta mesto, mi fa quasi pena anche se mi verrebbe voglia di sghignazzare come un pazzo per quello a cui ho appena assistito. Sto ormai per salutarlo quando lui con tutta la sua mole, che può davvero far paura, torna prepotentemente al check-in e risoluto pretende di acquistare un nuovo biglietto. “Loro hanno sbagliato e loro mi rimborseranno!”. Vince la diatriba con i dipendenti che finalmente si convincono a staccargli il ticket ed è in quel momento che un po’ di quella sua proverbiale fortuna lo salva, sul conto ha giusto i soldi per il biglietto, gli rimarranno solo una decina di euro dopo la transazione.

Ci avviamo al gate che stanno già imbarcando ma per lui non finiranno le disavventure in quel viaggio di ritorno.

Questo è uno dei momenti più divertenti che conservo del passato della mia azienda, di quando lavoravamo sodo ed eravamo felici. E dire che di episodi esilaranti ce ne sono stati così tanti che non mi basterebbe un giorno a scriverli. A volte alcuni di essi fanno capolino tra i miei pensieri e allora non posso far altro che ridere a crepapelle prima di ricordare che quel gruppo, quel clima, quel bel periodo è ormai acqua passata. Così divento triste pensando a ciò che era e ciò che è adesso.

Annunci