Oggi faccio mio lo spassionato invito che l’amica Erigibbi ha rivolto al vento di WordPress e con grande piacere mi cimento quindi in questa attività che sembra un tag ma in realtà non lo è, quindi sentitevi liberi di  partecipare se volete, senza che ci sia bisogno di nominarvi.

Le  regole sono le seguenti, molto semplici:

  1. prendi il libro che stai leggendo.
  2. aprilo ad una pagina a caso.
  3. condividi un estratto di quella pagina.
  4. occhio agli spoiler! assicurati di non dire troppo.
  5. riporta titolo ed autore, così che i lettori possano aggiungere il libro alla loro wishlist se sono rimasti colpiti dal teaser.

TITOLO:  Battisti-Panella: Da Don Giovanni ad Hegel

AUTORE:    A. Ciarla

Pag: 57

Le prime parole di Panella che il mondo udì pronunciare da Lucio Battisti furono le seguenti: <<In nessun luogo andai / per niente ti pensai / e nulla ti mandai / per mio ricordo>>. Anche se non era forse la prima volta che un cantante non partiva, non pensava e non lasciava di sé alcun ricordo a una “lei” comunque, da subito, dovette sembrare chiaro a tutti che qualcosa era cambiato. Il primo brano dell’album “Don Giovanni” era il prototipo assoluto della canzone del disamore.

Devo dire che questo libro mi sta aprendo un mondo.

Annunci