Lo dico subito, io di ciclismo non ne capisco una beata mazza. Non mi appassiona, non lo seguo. Una volta magari ero più sul pezzo, parlo di quando da bambino stavo con mio nonno che non si perdeva mai una tappa, oppure quando Pantani ci rendeva tutti orgogliosi con le sue indimenticabili scalate.

2
Intrattenimento prima della partenza

Nonostante lo scarso interesse verso questo sport martedì però non ho potuto non presenziare alla partenza della quarta tappa della centesima edizione del Giro d’Italia visto che ha preso il via proprio dalla mia piccola ma meravigliosa città.

11

E’ stata una mattinata bellissima con un’atmosfera davvero gioiosa ed un entusiasmo travolgente da parte di tutti. Le strade sgombre di macchine sono state prese d’assalto dalla gente venuta da tutto il circondario. Tantissimi  erano vestiti di rosa grazie anche ai pacchetti in offerta venduti dai gazebo ufficiali arrivati già dal giorno prima. Tantissimi erano in bici e quasi si mischiavano agli atleti.

12
Barbara Pedrotti

Sotto  un gradevole sole di una giornata di inizio estate i giornalisti dalle loro postazioni sul  lungomare non nascondevano la loro espressione più stupita di fronte a tanta bellezza e calore e tessevano le lodi del luogo durante la diretta o la registrazione dei servizi (presenti anche Bartoletti e De Zan).

3
Ingresso del Trofeo del Giro

Prima della partenza,  durante la presentazione dei team in gara e la firma degli atleti, tanto intrattenimento con la musica di altissima qualità di Radio2 (e qualità davvero visto gli artisti fatti ascoltare tra cui The Clash, Depeche Mode e Led Zeppelin!) e soprattutto con la meravigliosa, simpaticissima e, non me l’aspettavo, preparatissima Barbara Pedrotti che ci ha davvero incantati.

9
Firma degli atleti
6
Presentazione squadre
7
Nibali

Poi la presentazione dei colori delle maglie, l’ingresso del trofeo, i  balli, le belle ombrelline e gli applausi ai siciliani in gara con Nibali in testa.

1
Trofeo in mostra

Alle dodici e trenta tutto era già finito. I ciclisti riuniti in un compatto  gruppone hanno percorso in pochi minuti le strade (passando anche davanti casa mia) lasciando sorrisi sulla bocca di tutti, sorrisi che non si vedevano da un bel po’.

8
Autografi
5
Via alla tappa

Il Giro d’Italia ha portato una grossa ventata di gioia e ottimismo. Ne avevamo bisogno.

4
Barbara Pedrotti
Annunci