Cerca

una vita non basta

Ho scolpito sulla pelle che chi piange riderà

Categoria

film

Jackie

Doveva essere un omaggio ad una grande donna del novecento, icona di stile, eleganza e cultura, ed in parte lo è, solo che non ho riconosciuto nella Jackie del film la Jackie che avevo imparato a conoscere dai libri, da altri film e dai documentari.  Troppo marcate ad esempio le critiche sui soldi spesi  per gli eventi culturali alla Casa Bianca e per i cambiamenti portati al suo interno,  quando questi erano invece, anche leggendo gli articoli di quei giorni, ben visti sia dai cittadini che dalla stampa. Il fermento culturale che ha investito gli USA in quegli anni e che l’ha vista protagonista nelle vesti di grande mecenate è stato fatto passare invece come una serie di capricci personali di una ricca snob. Ma è anche per questo che, come ripiega il film negli ultimi minuti, si parla di una Camelot, una presidenza che ha portato lustro non soltanto politicamente (anche se gli effetti si sarebbero visti a posteriori) ma culturalmente, una nuova frontiera in tutto e per tutto. Per non parlare poi della ricostruzione dei filmati dell’epoca in cui la first lady, descrivendo alle telecamere le varie stanze della sua nuova residenza, appare terribilmente impacciata e insicura.

Il film è un po’ lento ma a mio avviso per nulla noioso, anzi, si lascia vedere con piacere.  Interessanti sono le problematiche poste in essere, come quella dell’organizzazione dei funerali, e poi i pensieri, le emozioni e la propria ricostruzione delle vicende, elementi attorno a cui gira l’intero film.

E’ un one woman show  con una Portman sempre protagonista in ogni inquadratura. L’attrice è davvero brava e molto simile fisicamente alla vera Jackie da cui riesce ad assorbire un po’ di quel suo splendente carisma che tanto faceva impazzire gli intellettuali ma soprattutto i cittadini in quello scorcio di primi anni 60. L’altro protagonista è invece  un Bobby, sempre vicino e sempre accondiscendente, stranamente più vecchio fisicamente del fratello maggiore Jack.

Un buon film comunque, un pezzo di storia rivisitato da un punto di vista diverso, era ora.

Trama

Pochi giorni dopo l’assassinio del marito Jackie rilascia un’intervista in cui racconta gli avvenimenti di quei giorni, dall’arrivo a Dallas al funerale, dal suo punto di vista, con le sue emozioni, i suoi pensieri  e le sue idee.

Durata: 95 minuti

Voto:  ● ● ● ○ ○

Jackie-2016-movie-poster.jpg

Thirteen days

Un paio di anni fa lessi un libro che come spunto di partenza  ipotizzava le condizioni del nostro pianeta  se in quella famosa elezione  alla presidenza  degli Stati Uniti del 1960 l’avesse spuntata Nixon e non Kennedy. Descriveva paesaggi senza vita, aridi, con poche persone che si affannavano a ricostruire una civiltà distrutta da una furiosa ed incosciente guerra nucleare. Ovviamente esagerava e comunque non si può mai dire cosa sarebbe successo, la storia non si costruisce con i se e con i ma. E’ importante però conoscerla la storia, soprattutto quella del 900. Ho già affrontato l’argomento in un vecchio post ma perdonatemi se mi ripeto. Io ritengo che non è possibile capire il mondo di oggi senza conoscere bene i fatti del secolo scorso,  soprattutto quelli che hanno caratterizzato la guerra fredda tra USA e URSS ed i loro paesi satelliti, ma la scuola è molto carente in questo, penso addirittura quasi totalmente assente. Chiedete ai ragazzi usciti da poco dalla maturità, quanti di loro hanno conoscenza dell’argomento? Pochi, troppo pochi. E le cose non migliorano molto ponendo le stesse domande ad un neolaureato in materie umanistiche. Fortunatamente ci viene incontro  la cinematografia che a volte dà il suo contributo importante come in questo bellissimo film che sembra un thriller uscito dalla penna di un grande visionario scrittore quando in realtà è una storia assolutamente vera. E’ la descrizione dettagliata dei 13 giorni che tennero il mondo col fiato sospeso. E’ la storia di una partita  tra JFK e Kruscev su una scacchiera cubana. E’ la storia di un uomo, JFK, che con l’aiuto del fratello Robert, del consigliere O’Donnell (grande Kevin Costner), di McNamara e  pochi altri,  lottando contro tutti e tutto,  prendendo decisioni pesanti e impopolari,  riesce alla fine nella grande impresa di evitare una ormai sicura escalation militare che avrebbe portato immediatamente USA e URSS ad una guerra nucleare ed  il mondo alla rovina. E’ la storia di pochi eroi illuminati che hanno avuto la forza di anteporre il bene comune  alle lobby e ai poteri forti che influenzano pesantemente i paesi. E’ la prova che l’uomo quando vuole esce dai binari e rinsavendo, con  slanci unici, effettua colpi di coda che lasciano il segno. E’ la dimostrazione che  il bene tende a vincere sempre. E’ il grande lascito di Kennedy al mondo. E’ la nostra storia, perché se siamo quelli che siamo oggi buona parte dipende da quei 13 giorni.

Trama

Ottobre 1962. Gli Stati Uniti scoprono l’installazione di missili nucleari a Cuba da parte dell’URSS. Ne nasce un braccio di ferro che porta il mondo sull’orlo di una guerra nucleare.

Durata: 139 min

Voto: ● ● ● ● ○   bello

220px-thirteen_days_poster

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

Carissima me,..LA FORZA DELLE DONNE!

Ci vorrebbe un supereroe per vendicare tutte le donne con il cuore spezzato..mi candiderei molto volentieri..sarei perfetta come Wonder Luppy!!! Carissima me,..#LEGGETE PER CREDERE!

Hippiegipsy

viaggi e racconti di un cuore zingaro

Spongebob

E la bellezza d'esser bionda guidando una Aygo rossa.

Tempoguadagnato

"L'unico tempo veramente guadagnato è quello perduto in viaggio"

7muse

Riflettere per migliorare

DI PUNTO IN BIANCA

"Le cose che esistono già non c'è bisogno di disegnarle. Io ne disegno di nuove e mi diverto a guardarle" cit.

Chiara Monique

Official Blog

Nosce Sauton

"Tu mi dai consigli?" potresti dire. "Li hai già dati a te stesso, ti sei corretto? Perciò ti dedichi a correggere gli altri?" No, non sono così impudente da volere assumermi, io malato, la cura del prossimo; ma come se mi trovassi nel medesimo ospedale, ti parlo della comune malattia e divido con te le medicine. Perciò ascoltami come se parlassi con me stesso.

Creando Idee

Idee e articoli per rendere meravigliosa la casa

Life and Run

Se vuoi essere Libero, allora corri!

B going to

"Qualsiasi cosa tu faccia sarà insignificante, ma è molto importante che tu la faccia."

AQueSiTeLoCuento

Sotto i ricci, idee e pasticci.

Da cosa nasce cosa

Diario di bordo di una blogger in erba

affamatedimondo

Esperienze ed esperimenti di viaggio

PenniLein

Se nasci tondo è difficile che muori magro

LoShame

Fashion Blogger

Chiarasaracino's Blog

essere distanti

Willy Wonka

Tra fantasia e realtà

Milioni di Particelle

I libri sono l'aereo, il treno e la strada. Sono la destinazione e il viaggio. Sono casa. - Anna Quindlen

work in progress

due storie, due vite, due destini

ViaggiAmente

La vita è un viaggio e chi viaggia vive due volte...

Resilienza.

Ad Maiora Semper.

Le Quindicirighe di Michela ✍

La vita merita di essere vissuta solo se crediamo nei valori, perché questi rimangono anche dopo la nostra morte.

Happy Magician

Sii il cambiamento che vorresti nel mondo

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

Diario

Il Calamaio D’Oro

*Conto alla rovescia*

•Impariamo,Vivendo•

Resilience.

"Chi dice che è impossibile non dovrebbe disturbare chi ce la sta facendo."

Il Salotto Irriverente

Libri, storie e chiacchiere

il mondo di shioren

Blog nato per condividere tutto quello che le mie "modeste" doti artistiche mi permettono di fare che siano esse recensioni, disegni, racconti e quant'altro.

La dama distratta

Diario del giorno dopo

pattykor122's Blog

mai dire mai

Citazioni Della Mia Mente

"Aut insanit homo, aut versus facit." (Orazio)

Guignolesco

Non è Pop, è Pulp!

Pirofobia

Tutte le parole che non ho detto.

Marilena in the kitchen "old fashioned recipes"

"In ogni piatto c'è sempre un ingrediente unico ed irripetibile, frutto della tua energia, delle tue emozioni"(Marilena)

Life Of Ma

A journey to a healthy life

Neurocaffeine

No, non significa nulla.

Il mondo di Snowbetta

"Nessun fiocco di neve è mai caduto nel posto sbagliato." (cit. E.C.)

Cazzeggio da tiffany

Il cazzeggio con stile

Alessandra V.

Diari BDSM e fantasie Cyberpunk di un'italiana in Canada

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: